newsletter@seriescape.com

The Expanse

The Expanse

The ExpanseTitolo     The Expanse
Voto IMDb     
8,3/10
Voto SeriEscape     9/10
Anno      2015 – presente
Canale     SyFy
Durata episodi     45 min
Quante ore di vita ti toglierà questa serie?     18 ore
Genere     Drama, Mistery, Science-Fiction, Thriller
Attori     Thomas Jane, Steven Strait, Dominique Tipper, Shohreh Aghdashloo, Wes Chatam
Creatore     Mark Fergus, Hawk Ostby
Musica     Clinton Shorter
Paese      USA, Canada
Lingua     Inglese
Livello d’attenzione richiesto     4,5/5
Mood     Stufo del secolo in cui vivo, Sbrogliamo una matassa, Questo pianeta mi sta stretto, War never changes, Gran libro: dovrebbero farne una serie
Trama     Un detective di polizia nella Cintura di Asteroidi, il primo ufficiale di una pescaghiaccio interplanetaria e un funzionario delle Nazioni Unite scoprono lentamente una vasta cospirazione che minaccia le colonie ribelli della Cintura.


Negli ultimi anni il genere fantascientifico sta vivendo una nuova “golden age”, anche grazie al successo dei filoni Marvel e Star Wars al cinema e sul piccolo schermo a serie come The Man In The High Castle e Sense8.
La sottocategoria delle space-opera, tuttavia, è rimasta un po’ in ombra – complice probabilmente una mancanza di proposte convincenti – fino all’arrivo di The Expanse sul canale tematico SyFy.

Il complicato universo di The Expanse

Tratta dall’omonima serie di libri di James S.A. Corey, pseudonimo del duo di autori Daniel Abraham e Ty Franck, è stata presentata come un Game Of Thrones ambientato nello spazio, guadagnandosi molta attenzione da parte dei media.

In effetti, come la creatura di George R.R. Martin, la trama di The Expanse si costruisce lentamente attraverso storyline e personaggi lontani tra loro nello spazio e, a prima vista, anche nelle loro vicende.
Parliamo infatti di un funzionario delle Nazioni Unite, Chrisjen Avasarala (interpretata magnificamente da Shohreh Aghdashloo) impegnata nelle macchinazioni politiche interne ed esterne alla Terra; di un detective non proprio impeccabile (Thomas Jane, qualcuno se lo ricorderà come Punisher nel film del 2004) che, sull’asteroide Ceres, viene incaricato di indagare sulla scomparsa della ribelle rampolla di un influente industriale terrestre; di un riluttante primo ufficiale (Steven Strait, probabilmente l’interpretazione meno convincente) e compagni, unici sopravvissuti alla distruzione dell’astronave pescaghiaccio Canterbury per mano – presunta – della flotta marziana.

Ne avete capito poco? Non temete, siete in buona compagnia.
Ci vogliono alcuni episodi, infatti, per imparare a conoscere il mondo in cui The Expanse si svolge e le sue dinamiche: le tensioni tra le due potenze militari del Sistema Solare, la Terra e la Repubblica Congressuale Marziana, e il disagio socio-economico della Cintura di Asteroidi, contesa tra le due per le sue risorse e controllata dall’organizzazione terroristica Alleanza Dei Pianeti Esterni.

Annodare i fili della matassa

the expanse julie mao

La serie è capace di portare avanti in modo fluido tutti i fili della sua trama, spaziando tra le atmosfere del giallo-poliziesco, del thriller politico e del mistery fantascientifico, finché dopo qualche episodio finalmente lo spettatore riesce a intravedere il filo conduttore che lega i personaggi e che li porterà inevitabilmente ad interagire negli ultimi episodi della stagione.

Non si tratta di episodi sprecati, comunque: uno dei più grandi piaceri nel guardare The Expanse è la qualità dei dettagli – trasposta fedelmente dai romanzi d’origine – della sua ambientazione futuristica, sia che si parli di biologia, fisica o società, anche grazie alla sorprendente qualità degli effetti visivi degni di un film.

Per saperne di più, leggete i miei articoli 9 dettagli sorprendentemente accurati della biologia9 dettagli sorprendentemente accurati della società e 9 dettagli sorprendentemente accurati della fisica di The Expanse.

Il ritmo risulta spesso lento, questo è vero, soprattutto nella prima stagione, la quale si configura quasi come un lungo preambolo che prepara lo scenario alla seconda. Sembra però una scelta obbligata, per consentire allo spettatore di cogliere ogni aspetto della trama.

Ne risulta un prodotto intrigante, che attira lo spettatore a seguire lo svelarsi a poco a poco di progetti misteriosi, cospirazioni politiche e scheletri nell’armadio.

E se foste troppo impazienti per aspettare la nuova stagione, potete seguire il countdown insieme a me e sappiate che di libri ce ne sono già sei e vale assolutamente la pena leggerli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.